Come Creare una Macchina Virtuale su Windows 10

Commenti: 0

Sono tanti i motivi che possono indurci a voler creare una macchina virtuale sul nostro PC Windows 10. Ma cos’è una macchina virtuale? Una macchina virtuale consente di configurare rapidamente una replica del sistema operativo Windows 10 utile per poter ad esempio testare software che altrimenti non saresti in grado di installare sul tuo PC oppure per testare in sicurezza modifiche al registro che desideri apportare al sistema operativo (senza rischiare di danneggiare il tuo PC)

Per creare una macchina virtuale su Windows 10 si possono usare vari software (incluso Microsoft Hyper-V, integrato in Windows 10 Pro). Ma qui di seguito suggeriamo di usare vCenter Converter di VMWare che è davvero semplice da usare e gratuito.

Ecco come è possibile creare una macchina virtuale dall’installazione di Windows 10 esistente.

Convertire Windows 10 in Macchina Virtuale

Innanzitutto devi scaricare VMware vCenter Converter. Dopo aver fatto clic sul link Download, dovrai registrarti e creare un account “My VMware“. Questa è una procedura rapida e richiede solo un’e-mail e una password.

Dopo il download, installa VMWare vCenter Converter sul tuo PC Windows 10.

Una volta installato, avvia vCenter Converter, e poi fai clic in alto sul pulsante “Convert machine“.

Poi seleziona il box “Powered on” e nel menu a tendina che si apre scegli l’opzione “This local machine“. Fai clic su Next per procedere.

Nella schermata successiva potrai modificare e specificare quali unità del proprio sistema operativo vuoi virtualizzare: i dispositivi, le reti e così via. In questo tutorial, la dimensione totale del sistema operativo Windows 10 supera la capacità di dove vogliamo salvarla. Per questo motivo, l’unità “D:” deve essere rimossa.

Per fare ciò basta fare clic sulla voce “Data to copy”, e poi nel riquadro a destra deseleziona le unità da virtualizzare utilizzando le caselle di controllo. Nel riquadro a sinistra, è possibile modificare i servizi di sistema che si vogliono trasferire sul PC virtuale, come adattatori di rete e così via. Ti consigliamo di mantenerli così come sono se desideri la virtualizzazione più accurata del tuo PC Windows 10.

Quando sei pronto, fai clic su Next, scegli dove vuoi salvare la tua macchina virtuale (puoi metterla anche su un disco rigido esterno se lo desideri), e infine avvia il processo di conversione. Questa operazione può richiedere alcune ore, a seconda delle dimensioni dei volumi di Windows che stai convertendo.

Al termine della conversione, avrai creato correttamente una macchina virtuale dal tuo PC Windows 10 esistente. Adesso vediamo come eseguire questa macchina virtuale appena creata.

Nota: se si desidera avviare la macchina virtuale su un altro PC, bisogna accedere alla sua directory e copiarla su un disco rigido esterno. Potrebbe essere necessario comprimerlo utilizzando un software di compressione come 7-Zip, WinZIP o WinRAR per risparmiare spazio. Ovviamente, a seconda delle dimensioni della VM (virtual machine), ciò potrebbe richiedere del tempo. Collega l’unità esterna all’altro PC in cui si desidera eseguire la macchina virtuale, trasferisci il file e decomprimilo.

Come Avviare Macchina Virtuale

Sul computer su cui desideri avviare la tua macchina virtuale (che può essere lo stesso PC che hai utilizzato in questa guida), avrai bisogno del software di virtualizzazione gratuito di VMware Workstation Player.

Una volta installato, apri Workstation Player, fai clic su “Open Virtual machine“, quindi vai sulla VM appena creata e fai clic su Open.

Prima di aprire la VM, puoi andare su “Edit VM settings” e cambia cose come la quantità di memoria da allocare ad essa. Quando sei pronto per aprirlo, fai clic su “Play Virtual Machine” e sei a posto!

Questo è tutto su come creare una macchina virtuale da un’installazione di Windows 10 esistente.

Anche i computer “macOS” possono essere virtualizzati, e sono molti gli utenti che creano una macchina virtuale Widnows su macOS in modo da poter installare e usare software Windows anche sul proprio macOS. Per virtualizzare un macOS occorre però un altro software, come ad esempio VMware Fusion, che però non è gratuito. Il procedimento da seguire però è molto simile a quanto visto sopra per virtualizzare un PC Windows 10.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *