Software per Cercare Nuovi Clienti all'Estero

Categoria:
Utilità PC Windows
Commenti: 2

I piccoli e medi imprenditori che operano nel mercato locale (italiano) riescono a trovare nuovi clienti attraverso metodi tradizionali, come pubblicità, referenze ed eventi. Adattare però questi stessi approcci per generare leads (cioè nuovi potenziali clienti) a livello internazionale, richiede una personalizzazione della propria strategia di marketing e l’adozione di nuove tecnologie di business. Esperti di marketing globale ed imprenditori italiani che sono riusciti a vendere i propri prodotti anche all’estero hanno essenzialmente lavorato su più fronti e precisamente:

  1. Acquisizione e ricerca nuovi clienti all’estero tramite proprio sito web
  2. Acquisizione e ricerca nuovi clienti all’estero tramite strumenti di “cattura dati”
  3. Acquisizione e ricerca nuovi clienti all’estero tramite Social Media

#1. SITO WEB

L’Italia, rispetto agli altri Paesi Europei, è sicuramente un passo indietro per quanto riguarda il “web marketing” ed è strano che tanti imprenditori non capiscano l’importanza di avere almeno un sito web della propria azienda per poter essere “raggiunti” da qualsiasi cliente presente in qualsiasi parte del Mondo. Eppure al giorno d’oggi creare un sito web ha un costo davvero irrisorio e anche le spese di gestione dell’hosting sono di poche decine di euro all’anno.

Se non hai un sito web, o hai un sito web obsoleto e/o non tradotto almeno in lingua inglese, ti consigliamo di rifarlo da zero. Col servizio Webnode che abbiamo recensito qualche giorno fa, è possibile creare un sito web aziendale o e-commerce in 10 minuti, e in modo totalmente gratuito.

In fase di creazione del sito cerca di focalizzarti su alcune parole chiave (in inglese) in modo che clienti dall’estero potranno trovarti e contattarti per ricevere ulteriori informazioni. Potrai arricchire il tuo sito anche inserendo contenuti multimediali come ad esempio un flipbook sfogliabile (catalogo sfogliabile direttamente online) che fa sicuramente “effetto”.

#2. SOFTWARE PER MARKETING B2B

Il modo forse più semplice, veloce ed economico per cercare clienti aziendali all’estero è quello di affidarsi a soluzioni software B2B (business to business) come quelli che stiamo per citare. Si tratta di programmi che vanno a scansionare le directory aziendali “pubbliche” presenti nei vari Paesi per poi estrapolare tutti i dettagli utili (ragione sociale, indirizzo fisico, email, numero di telefono, fax, ecc…). Tra i tanti strumenti di questo tipo presenti sul mercato ne vogliamo segnalare due in grado di cercare email e numeri di telefono di aziende (anche estere)

  1. YELLOW LEADS EXTRACTOR
    E’ un programma in grado di “leggere” i dati presenti ai siti di “pagine gialle” di diversi Paesi (es. Spagna, Francia, Inghilterra, Germania, Romania, Polonia, Russia, Austria, Svizzera, USA, Canada, ecc…) e di estrapolare i dati delle aziende che stai cercando e a cui vorresti proporre i tuoi prodotti o servizi. Il suo funzionamento è molto semplice: inserisci la parola chiave del tipo di azienda da ricerca, scegli la località (nazione e città) e avvia la cattura dei dati.
  2. G-BUSINESS EXTRACTOR
    Questo programma va invece a catturare i dati dalle pagine di Google Maps, che contiene dettagli di quasi tutte le aziende del mondo. Anche in questo caso dovrai scegliere una categoria merceologica da ricercare (es. Ristoranti), inserire la località e avviare la ricerca. Tutti i dati potranno poi essere salvati in Excel o CSV.

Tutti i dati estratti tramite questi potenti programmi potranno essere gestiti come meglio desideri. Ad esempio potrai provare a contattare questi potenziali clienti internazionali tramite newsletter, via telefono oppure tramite l’invio di posta cartacea (brochures o volantini). Quest’ultima soluzione marketing è quella più costosa ma è anche quella che da la più alta percentuale di risposta perchè poco invasiva (gli stranieri ci tengono molto alla propria privacy) e più professionale.

#3. SOCIAL

I canali “Social” (Facebook, Twitter, Instagram, Youtube, ecc…) possono essere sicuramente un valido strumento per cercare nuovi e potenziali clienti anche all’estero, ma devono essere usati bene. Usare bene questi servizi significa capire qual’è il network migliore da sfruttare e poi cercare di attirare l’attenzione dei clienti pubblicando contenuti originali e “virali”, scrivendo messaggi giusti, e così via.

Specialmente all’inizio conviene forse investire qualcosina in pubblicità sui Social, anche perchè è possibile effettuare una pubblicità mirata e rivolta ad esempio solo a persone di una determinata nazione e non a tutti.

Risultati immagini per social media

NB: Tutte queste soluzioni possono sicuramente aiutare a cercare potenziali clienti ma non è garantito che si riescano poi a vendere i propri prodotti. Per questo motivo, gli imprenditori, prima di avventurarsi in questo lavoro, devono stabilire bene e con criterio quali prodotti e servizi possono essere “apprezzati” da questi clienti internazionali, e magari scegliere prodotti che non sono proprio disponibili su quei mercati esteri.

2 commenti su “Software per Cercare Nuovi Clienti all’Estero

  1. Marika ha detto:

    Usando i software “scraper” segnalati nell’articolo, come posso poi utilizzare i dati raccolti anche alla luce del GDPR?
    grazie

    • admin ha detto:

      Tutto dipende da come vengono utilizzati i dati catturati. Il modo corretto è quello di effettuare un primo contatto (di presentazione) al fine di ricevere il consenso per inviare ulteriori comunicazioni commerciali. Nel primo contatto, ad esempio invio di una email, è possibile anche indrodurre i propri servizi o prodotti in modo da capire se il cliente può essere o meno interessato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *